Osservatorio Astronomico Sormano

Localita' Colma del Piano - 22030 Sormano (CO) Italy


Osservatorio Logo 25anni
Foto header Osservatorio Sormano
<< Torna alla galleria
L'universo oscuro
pubblicato il: 20 giugno 2013
Sicuramente sai che sia qui sulla Terra sia lassù in cielo ci sono cose che non si possono vedere: l’aria che respiriamo, per esempio, oppure i buchi neri.

Forse non sai che tutto ciò che i tuoi occhi e i telescopi riescono a vedere – il libro, il tavolo, il pavimento, il nostro pianeta, il Sole, le galassie - rappresenta solo il 4% di tutto l’Universo. Il rimanente novantasei per cento è completamente invisibile!
Praticamente, l’Universo sarebbe ancora sostanzialmente lo stesso se ci sbarazzassimo di tutto ciò che vediamo con i nostri occhi e con i telescopi!
Ciò che non vediamo è costituto da due "entità" diverse: la materia oscura e l’energia oscura. Esse si rivelano solo dagli effetti che hanno sulla materia visibile.

Considera, ad esempio, la bella galassia a spirale NGC 891, che nell’immagine è visibile orientata di taglio. Le stelle e le nubi di gas e di polveri che vedi di questa galassia hanno una massa che non è sufficiente a “tenerle vicine” se non si considerasse la presenza della materia oscura che, con la sua forza attrattiva gravitazionale, fa da collante agli oggetti della galassia. Senza di essa la galassia non potrebbe mostrare la bella silouette affusolata, perché si disgregherebbe in poco tempo.

La presenza dell’energia oscura è, invece, legata al fatto che, se non ci fosse, NGC 891 sarebbe più vicina alla nostra galassia - la Via Lattea - e quindi a noi, di quanto non lo sia ora, circa 40 milioni di anni luce.

Tale energia, infatti, si manifesta come una forza repulsiva che sta accelerando troppo l’espansione dell’Universo, allontanando le galassie tra di loro più del dovuto.
Non pensare che la materia oscura sia costituita da buchi neri, perché sono troppo pochi nell’Universo. Potrebbe trattarsi, piuttosto, di stelle e pianeti mai nati o di particelle subatomiche sconosciute.

Altrettanto sconosciuta è la natura dell’energia oscura. Una cosa è, comunque, certa: essendo una sorta di anti-gravità, determinerà il nostro destino, decidendo se l’Universo si espanderà all’infinito o se collasserà in un buco nero.