Osservatorio Astronomico Sormano - Sormano (CO) Italy

Come uno sconfinato mare ricco di misteri e di insidie nel quale far navigare la nostra immaginazione, anche lo spazio nasconde gelosamente alcuni dei suoi tesori più belli. In quest’ottica, gli ammassi globulari possono essere considerati come le pietre preziose dei nostri cieli, visto che il loro aspetto ricorda una pioggia di piccoli diamanti incastonati con precisione in mezzo alle varie costellazioni: la splendida foto di M92 riportata qui a fianco ne è una dimostrazione.

A differenza di quanto accade nei sette mari, però, possiamo affermare che questa volta è il tesoro ad aver trovato noi.
In primo luogo, M92 viaggia nella nostra galassia da molto più tempo di noi, essendo presente nei nostri cieli da ben 13 miliardi di anni: quasi il triplo del nostro Sistema Solare! D’altro canto, gli ammassi globulari, ossia queste enormi sfere composte da centinaia di migliaia di stelle molto vecchie, sono raggruppati in un spazio molto ristretto; basti pensare che la densità di stelle di questo oggetto (catalogato anche con la sigla NGC 6341) è 100 volte superiore a quella che si ha nelle vicinanze del Sole (per gli amanti dei numeri, parliamo di un valore di 30 stelle / parsec 3 contro i nostri 0,3). Ovviamente tutto questo traffico stellare, pur conferendo a M92 la sua bellezza, ha anche degli effetti collaterali in quanto ci impedisce di scrutare nitidamente cosa nasconde nei pressi del suo centro.

In secondo luogo, non siamo noi che ci stiamo avventurando alla scoperta di questo tesoro, ma è lui che si sta avvicinando a noi con una velocità di 110 Km/s. Tuttavia, considerando l’enorme distanza che ci separa da M92 (quasi 30.000 anni luce), è impossibile rendersi conto di questo continuo avvicinamento se non con analisi strumentali. Questo ammasso offre comunque uno spettacolo affascinante: pur essendo grande soltanto la metà del più famoso “collega” M13, presenta una magnitudine di 6,3 che lo rende visibile già con un piccolo binocolo o addirittura ad occhio nudo, scrutando con attenzione in direzione della costellazione di Ercole.

Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie.

Maggiori Informazioni chiudi