Osservatorio Astronomico Sormano

Localita' Colma del Piano - 22030 Sormano (CO) Italy


Osservatorio Logo 25anni
Foto header Osservatorio Sormano
<< Torna alla galleria
La Galassia barrata
pubblicato il: 15 luglio 2012

Messier 109
Quando ci si immagina una galassia viene sempre in mente la “classica” forma a spirale come la galassia di Andromeda o la Messier 101.

In realtà esistono galassie dalle forme molto diverse e uno dei modi per classificarle, sviluppato dall’astronomo e astrofisico Edwin Hubble, è proprio quello di suddividerle in base alla loro forma.

Secondo questo modello di classificazione esistono 5 grosse “famiglie” di galassie: quelle definite ellittiche (che hanno forme che variano dalla sfera al disco), quelle lenticolari (simili alle galassie a disco ma con una specie di “rigonfiamento” al centro), quelle a spirale (caratterizzate da bracci che si avvolgono attorno al centro), quelle a spirale barrata (simili a quelle a spirale ma i cui bracci partono da prolungamenti rettilinei di stelle che ne attraversano il centro) ed infine quelle irregolari (che non presentano alcuna struttura regolare).
La galassia in foto, nota come Messier 109 o NGC 3992, è un bellissimo esempio di galassia a spirale barrata, rintracciabile anche con piccoli telescopi , un grado a sud-est dalla stella Gamma nell’Orsa Maggiore.

Come si può vedere in questa foto a lunga esposizione, il centro della galassia è attraversato dalla caratteristica “barra” di stelle che ne collega i bracci.
La M109 dista da noi circa 55 milioni di anni luce e ha un diametro di circa 130.000 anni luce; attorno a sé ha tre galassie “satelliti” (UGC6923, UGC6940 e UGC6969) ed è la più brillante di un vasto gruppo di galassie (che proprio per questo motivo è noto come Gruppo di M109) che si stima contenere oltre 50 galassie.

Se una galassia è come una grande casa composta da miliardi stelle, un gruppo di galassie è un paese che a sua volta può essere raggruppato in un ammasso al pari di una città. Gli ammassi fanno poi parte di “super-ammassi” che potrebbero essere così paragonabili a delle megalopoli davvero gigantesche.