Osservatorio Astronomico Sormano

Localita' Colma del Piano - 22030 Sormano (CO) Italy


Osservatorio Logo 25anni
Foto header Osservatorio Sormano
<< Torna alla galleria
Una calda cometa
pubblicato il: 05 ottobre 2011
Quasi sicuramente saprai che una cometa è composta principalmente da ghiaccio d'acqua, da ghiaccio di anidride carbonica e da materiale roccioso. Per questo la si potrebbe definire un iceberg “sporco”. Saprai, inoltre, che quando la cometa si avvicina al Sole forma uno straordinario spettacolo: l’intensa radiazione della nostra stella prima riscalda parte dei ghiacci che circondano il suo piccolo nucleo, poi sospinge lontano le nubi di gas e di polveri che si sono formate, generando una lunga e brillante coda.

Difficilmente ti sarai, però, chiesto quanto calda deve essere una cometa per poter mostrare la sua spettacolare coda. Basta una semplice formula, una calcolatrice e il collegamento a internet per dare una risposta a questa curiosa domanda.

Devi sapere che la temperatura assoluta, riferita cioè allo zero assoluto (pari a –273°C) di una cometa, è data dalla seguente espressione:



dove R è la distanza della cometa dal Sole in unità astronomiche (UA), essendo 1 UA la distanza Terra-Sole.

Il valore di R di una cometa lo trovi al seguente indirizzo web della NASA: http://ssd.jpl.nasa.gov, che riporta i dati di tutti i corpi del nostro sistema solare. Come esempio consideriamo la cometa periodica mostrata nell’immagine, la 45P/Honda–Mrkos–Pajdušáková, che, quando è stata fotografata, si trovava a 0.5 UA dalla nostra stella.

Inserendo questo valore nella formula otterrai la temperatura di 409 K, dal quale sottrarrai 273 gradi per avere la temperatura in gradi Celsius: 134 °C!

Sopra i cento gradi, tutte le sostanze ghiacciate, mescolate ai frammenti rocciosi sono completamente vaporizzate. Ecco perché la cometa può mostrare la bella coda.

Ripeti ora il calcolo inserendo questa volta 5 UA, la massima distanza dal Sole che la cometa raggiungerà tra un paio di anni. Otterrai che la sua temperatura superficiale sarà di –144 °C. Brrr…. che freddo! Sicuramente là lo spazio sarà così gelato e buio che la cometa perderà la sua veste smagliante!